Riccione valuta con favore la proposta di “allungare” la Notte Rosa.

Pubblicato il 3 Luglio 2017 alle 09:24

Riccione valuta con favore la proposta di “allungare” la Notte Rosa.

La soddisfazione di Silb e Confcommercio della Provincia di Rimini

“Siamo davvero contenti della tempestiva risposta avuta dal sindaco di Riccione, Renata Tosi, alla proposta di prendere in considerazione la proroga degli orari di diffusione della musica nei locali in occasione della Notte Rosa di venerdì 7 e sabato 8 luglio – dice Stefano Giovannetti, presidente della delegazione riccionese di Confcommercio della Provincia di Rimini -. Avevamo inoltrato la richiesta all’amministrazione comunale di Riccione subito dopo il suo insediamento, facendo seguito alle numerose domande che ci sono pervenute dagli operatori della zona. Ringraziamo il sindaco Tosi per la fattiva collaborazione, ottimo viatico per il prosieguo del lavoro in sinergia”.

La proposta di Confcommercio prevede per i locali del Comune di Riccione di poter effettuare musica di sottofondo, cioè musica udibile solo nel perimetro dell’area di somministrazione, fino alla chiusura del locale; di potere effettuare intrattenimenti musicali con dj fino alle ore 4 dopo la mezzanotte; di poter effettuare intrattenimenti musicali con suonatori dal vivo o karaoke fino alle ore una dopo la mezzanotte.

Per il Sindaco Renata Tosi: “La proposta di Confcommercio la ritengo plausibile e corrispondente alle esigenze degli operatori dell’accoglienza in vista degli eventi della Notte Rosa. Mi ripropongo tuttavia di convocare a stretto giro di posta le associazioni e i consorzi per concordare e condividere assieme ogni misura e provvedimento da adottare per garantire la migliore convivenza possibile, compresi gli orari legati al mondo dell’intrattenimento”.

“Ringrazio a nome del Silb il sindaco di Riccione, Renata Tosi, per l’attenzione mostrata verso il mondo del divertimento – dice il presidente regionale del Silb – Confcommercio, Gianni Indino -. A Riccione si apre un nuovo corso: con questa apertura, che accogliamo con favore, l’amministrazione comunale di Riccione dà seguito agli impegni presi nei confronti del mondo dell’intrattenimento. Tutto questo senza abbandonare il contrasto ad abusi ed eccessi, che siano sonori o di alcol, al quale ci uniamo. Vogliamo sottolineare che qualità e divertimento non si escludono l’un l’altro. Tra sindaco Tosi e il Silb, tra l’altro, c’è già un accordo di massima per contrastare, con il nostro sostegno, la piaga del commercio dell’alcol a basso costo. Lavoriamo per una “tolleranza zero” nei confronti di quelle attività che si renderanno complici del consumo di alcol di bassa qualità a prezzi minimi, favorendone così l’abuso tra i giovani. Riteniamo che la salute dei ragazzi debba sempre essere messa in primo piano, senza dimenticare decoro e immagine del nostro territorio che vanno salvaguardati anche da questi fenomeni. Riccione è aperta ai giovani e al divertimento, ma sul nostro territorio la strada è sbarrata ad abusi ed eccessi”.